Parco Nazionale del Gran Paradiso: cosa fare e vedere

parco nazionale gran paradiso

Immerso nelle Alpi al confine con la Francia, a circa un’ora di macchina da Torino, il Parco Nazionale del Gran Paradiso è un crogiolo di cultura e tradizioni, in un alternarsi di paesaggi ricchissimi di flora e fauna d’alta quota.

Sia che tu voglia fare una distensiva passeggiata attraverso un prato alpino o metterti alla prova in un’escursione sopra i 2.000 m, troverai qualcosa da fare nel Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Dove si trova il Parco Nazionale del Gran Paradiso?

I 700 chilometri quadrati di area protetta che costituiscono il parco si trovano nell’angolo nord-ovest dell’Italia, estesi tra le regioni di Val d’Aosta e Piemonte. Il Gran Paradiso si trova nelle Alpi Graie, quindi dovrai aspettarti molti paesaggi alpini. Sul lato ovest, il parco confina con la Francia e si collega con il Parc National de la Vanoise.

Storicamente quest’area era conosciuta come la riserva di caccia dei Savoia. Dal 1856 al 1922, anno dell’istituzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, questi territori erano frequentati, oltre che dalla famiglia reale, anche da molti bracconieri.

Nel 1922 il terreno fu donato dai reali all’Italia, che si affrettò ad istituire la riserva protetta per salvaguardare l’animale simbolo del Parco, lo stambecco alpino, di cui, dopo la Seconda Guerra Mondiale, ne erano sopravvissuti solo 416 esemplari.

Questo animale, che un tempo prosperava a quote elevate, è stato oggetto di caccia indiscriminata per secoli. I motivi per cui lo stambecco era una preda così ambita dai cacciatori erano i più disparati: la succulenza della sua carne, le proprietà medicinali attribuite ad alcune parti del corpo, l’imponenza delle sue corna ricercate come trofeo e persino il potere afrodisiaco attribuito ad un suo ossicino, spesso utilizzato come talismano.

Ora lo stambecco alpino è adeguatamente protetto e la sua specie prospera nel Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Cosa fare nel Parco Nazionale del Gran Paradiso

Con una superficie di oltre 70.000 ettari e un paesaggio estremamente diversificato, che va dai 4.000 metri del Gran Paradiso alle vallate puntellate di boschi di larice e abeti rossi, il parco offre una grande varietà di attività.

Escursionismo

L’escursionismo è, ovviamente, una delle cose principali da fare nel Gran Paradiso. Ci sono più di 700 km di sentieri segnalati da provare, quindi potresti fare una passeggiata molto lunga senza percorrere mai due volte lo stesso percorso. I trekker più esperti troveranno molte occasioni per dedicarsi all’arrampicata su ghiaccio e roccia.

Dormire in un rifugio

Si potrebbe pensare alla tradizionale baita con un caminetto e pochi posti letto, ma nel Gran Paradiso, molti dei rifugi  sono in stile europeo. Vale a dire, sono hotel quasi a servizio completo, dotati di ristoranti e letti comodi. Sono la tua occasione per avventurarti senza rinunciare alle comodità. Rifugi diversi offrono servizi diversi, quindi assicurati di sapere cosa aspettarti e cosa portare prima di partire.

Salire in sella

Se preferisci pedalare piuttosto che camminare, ci sono molte piste ciclabili nel parco, da percorsi dolci completamente asfaltati a percorsi tecnici per mountain bike. Molti sentieri attraversano alcuni degli storici borghi alpini che costeggiano i margini inferiori del parco, quindi avrai più di un’occasione per sostare.

Visitare il giardino botanico

Se preferisci un’uscita meno movimentata, il Giardino Botanico Alpino Paradisia è un’ottima destinazione. Situato in Valle d’Aosta, questo giardino di 10.000 metri quadrati offre la possibilità di vedere da vicino la flora alpina. Il periodo migliore per andarci è da metà giugno a metà luglio, quando puoi prenotare anche le visite guidate.

Godersi l’inverno

Se ti capita di visitare il parco in inverno, allaccia le ciaspole e percorri i sentieri panoramici. È inoltre possibile praticare lo sci di fondo, lo sci alpino e l’arrampicata su ghiaccio nel Gran Paradiso.

Se non ti senti a tuo agio a fare trekking da solo sul Gran Paradiso, o vuoi semplicemente migliorare la tua preparazione, puoi assumere una guida per partecipare ad itinerari di gruppo. L’organizzazione ufficiale delle guide alpine del parco è attiva tutti i giorni tutto l’anno. Possono guidarti in una vasta gamma di attività, dal trekking, al canyoning e all’arrampicata su roccia, alle ciaspole, allo sci fuoripista e all’arrampicata su ghiaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *