Cosa aspettarsi da una colazione americana?

La colazione è il pasto più importante della giornata, ci viene ribadito costantemente da nutrizionisti e medici. Abbiamo anche cibi specifici che consideriamo “cibi da colazione”, come biscotti, cornetti e cereali. Ma non per tutti è così, specie al di là dell’oceano.

Colazione Americana

Un tipico menù della colazione americana varia da una parte all’altra del Paese. Tuttavia, in linea di massima, una tipica colazione americana comprende uova, bacon, cereali, cibi da forno come ciambelle, muffin, ecc. annaffiati con caffè, latte o succo di frutta.

Come la sua controparte inglese, la colazione americana è un’opzione energetica e calorica, che sicuramente ti aiuterà ad affrontare la mattinata e, a seconda delle dimensioni della porzione, forse la giornata.

Cosa viene servito nella colazione americana?

Una colazione americana è difficile da racchiudere in un’unica definizione come quella inglese. Di solito si basa su uova, accompagnate da pane tostato o pancake. Non mancano yogurt, cereali, fiocchi d’avena e frutta. La carne, soprattutto bacon e salsicce, non è così consumata come si crede: è stata soprattutto la tradizione cinematografica ad alimentare questo mito.

Gli adulti che cercano di iniziare la giornata in modo sano spesso optano per cibi a basso contenuto di grassi, ricchi di fibre e di proteine. Questi includono spesso una selezione di frutta fresca, yogurt o ricotta e pane di grano intero, spesso a base di crusca. Un’accoppiata tradizionale è quella dei pancakes con sciroppo d’acero.

Muesli e frutta vengono spesso aggiunti ai cereali per dare varietà, consistenza, nutrienti e fibre extra. I frullati per la colazione sono scelte popolari, poiché incorporano frutta e latticini e possono essere preparati e consumati rapidamente. La maggior parte delle colazioni americane è accompagnata da una bevanda. Caffè, tè e cioccolata calda sono generalmente preferiti per le bevande calde della colazione.

Dolce o Salato

Le vere protagoniste della tavola mattutina americana sono però le uova alla Benedict. Si tratta di una preparazione tipica dei brunch americani, un pasto a metà strada tra la colazione e il pranzo, che è possibile trovare spesso negli hotel, per la prima colazione. Il piatto è composto da uova in camicia servite su muffin inglese o pane tostato, pancetta e salsa olandese. Sono spesso accompagnate da toast e pancetta.

Ma da dove ha origine questa combinazione? Tutto è nato da una campagna marketing. Un esperto di pubbliche relazioni che lavorava per l’azienda Beech-Nut, Edward Bernays, la cui altra fama era quella di essere il nipote di Sigmund Freud, ha sfruttato tutte le moralizzazioni e le paure per la salute intorno alla colazione per aiutare l’azienda a spingere la sua pancetta.

Bernays ha convinto un medico a concordare sul fatto che una colazione ricca di proteine ​​e uova e pancetta fosse più salutare di una colazione leggera, quindi inviò la relazione a circa 5.000 medici per farla approvare. Venne poi pubblicata su tutti i giornali alla stregua di uno studio scientifico. Ciò portò l’opinione pubblica a considerare l’abbinamento uova e pancetta come salutare dal punto di vista medico.

Salato, dolce o tutti e due insieme poco importa, il menu dell’american breakfast è un party sfrenato per le papille gustative, un momento che ti garantisce buon umore per tutta la giornata e calorie difficili da smaltire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *