Radici nel Cielo, per scoprire l’Italia rurale e sostenibile

Scritto il da

Articolo pubblicato su ITALIA CHE CAMBIA

Viaggio tra Terra e Cielo è un progetto artistico, ambientale e culturale ideato da quattro ragazzi, che hanno visitato tutte le realtà più significative che in Italia praticano agricoltura di piccola scala. Ora le stanno raccontando attraverso diversi strumenti, dalla web story al documentario, fino alla narrazione teatrale.

Il progetto nasce da lontano, da un lungo percorso iniziato dieci anni fa da Andrea Pierdicca che uniscearte, ambiente e agricoltura. «Parte tutto dal teatro di narrazione – racconta Andrea –, con uno spettacolo chiamato “Il fiume rubato”, la storia dell’Acna di Cengio, che esce dai palcoscenici per portare il teatro fuori dai luoghi convenzionali. Poi è la volta di “La solitudine dell’ape”, spettacolo teatrale con musiche e canzoni degli Yoyo Mundi, che ancora oggi gira nei teatri italiani ed europei raccontando la moria delle api dovuta ai pesticidi. Il successivo “Il cantico delle api”, versione on the road dello spettacolo precedente, che si muove invece tra le campagne italiane – cascine, aie, stalle, fienili, abbazie – e che dopo piu 100 date si è trasformato in un documentario, “La zappa sui piedi”, video itinerante su api, pesticidi e agricoltura».

È quello il punto di svolta: il gruppo si allarga, le “Gocce di Luce “ – pillole video del documentario – cominciano a circolare sul web e il percorso si uniforma. «Da lì abbiamo rilanciato: perché non avviare una ricerca sul campo documentata? E così, Valentina si inventa la formula della web story che abbiamo sviluppato insieme. Il tema da affrontare era l’agricoltura di oggi, con al centro la relazione fra uomo e natura, muovendoci su più piani narrativi, compreso quello scientifico». Indagando inoltre la dimensione del sacro, dell’ancestrale legame fra umano e divino attraverso la natura. Un vero e proprio viaggio tra Terra e Cielo.

E così, a bordo di un piccolo furgone Westfalia, sono andati alla scoperta di quelle donne e di quegli uomini che ancora vedono l’agricoltura come un mezzo per vivere a contatto con la terra, in modo naturale e sostenibile, lontani anni luce dalle voraci logiche dell’agro-industria.

Al gruppo che ha fisicamente attraversato l’Italia in questo splendido viaggio, si affiancano molti altri che animano il progetto con le loro competenze e con il loro supporto: da Antonio Tancredi, che collabora ai testi e cura la regia teatrale, a Enzo Monteverde, musicista e compositore. Da Francesco Panella, presidente UNA-API e primo coproduttore a investire nel progetto, a Cristina Rodocanachi medico ambientalista, fino a Michele Marinangeli, presidente di Evodinamica Coop. Soc., che funge da campo base per la produzione e si occupa di gestire la raccolta fondi dei diversi co-produttori.

In questo mese on the road, hanno fatto incontri ispiratori di veri esempi di cambiamento. Sulle colline marchigiane si sono fermati da Paolo, che ha lavorato per anni nel terzo settore dedicando tutta la sua vita al sociale e adesso fa l’apicoltore.

Hanno conosciuto la giovane Ilenia, 21 anni, che insieme al suo fidanzato ha seguito le orme del padre, allevatore, e ha avviato un piccolo orto, che nel giro di un anno è cresciuto da 50 a 7000 metri quadrati. Ogni settimana si reca col banchetto dei suoi prodotti nei paesini della Val di Cecina, rifornendo gli abitanti e costruendo con loro un legame di fiducia reciproca solido e diretto.

Sono passati a trovare Etain Addey, bioregionalista di vecchia data, che ha costruito il suo piccolo insediamento con l’intento di provvedere al proprio autosostentamento, integrandosi con lentezza e rispetto nel territorio, imparando a conoscerlo, non conquistandolo.

Ma come riportare tutte queste storie a una dimensione artistica, narrativa? Le anime di questi due mondi in realtà sono più affini di quanto si possa pensare. «Il teatro deve essere al servizio di tematiche vive sulla pelle. Le persone hanno bisogno del rito teatrale perché alla base c’è il racconto orale, un rito che esiste da sempre. Il teatro è parole-gesti-musica evoca un “altrove” e così una comunità si ri-trova attraverso l’arte per confrontarsi sui problemi che la riguardano».

I prossimi passi? Dal 9 al 16 gennaio il gruppo sarà in tournée fra Liguria e Piemonte per uno spettacolo con testi di autori del presente e del passato. Massimo Angelini, Khalil Gilbran, Tolstoj, Gary Snyder, fino ad arrivare ai nativi americani. Parleranno ovviamente di ruralità e di cultura contadina, adottando un approccio multidisciplinare per sfuggire alla miopia.

«Questo percorso teatrale è un work in progress: vedremo come gli autori interagiranno con il pubblico, di cui valuteremo le reazioni, perché il lavoro nasce attraverso l’ascolto. Nel frattempo inizieremo a lavorare sul testo drammaturgico, che sarà la sintesi delle voci di ieri e di quelle di oggi espresse con linguaggio teatrale. Messo in scena attraverso l’azione, diventerà spettacolo di narrazione in musica».

Sconfinando anche nella sacralità del rapporto con la terra, emergeranno le anime chi ancora tiene vivo il legame diretto con la natura e con i frutti che ci offre. Parleranno i depositari di una tradizione culturale millenaria, ma che ha ancora moltissimo da insegnarci. Perché, come disse una volta Wendell Berry, le mente di un contadino è complessa e per niente semplice! «Tutti gli intervistati erano contenti ed entusiasti del progetto, di poter prestare la loro voce e veicolarla all’interno di un progetto artistico. Ognuno ha un suo percorso, ma tutti si ritrovano nella terra».