Orto di Carta

  Lessolo – Torino, 28 Settembre 2015

A Lessolo, in provincia di Torino, si trova la casa di Nicola e Noemi: con i suoi muri di paglia e il tetto spiovente studiato ad hoc, è un esempio mirabile di bioedilizia. È accogliente, sostenibile e risparmiosa: basti pensare che è sufficiente un m³ di legna in inverno per riscaldarla.

La casa è circondata da un orto che non solo produce per il sostentamento della famiglia ma consente un reddito basato sulle vendite ai consumatori locali. Ortaggi bio e filiera cortissima sono le parole chiave, oltre ad ingegno e passione.
Nicola e Noemi sono tra i fondatori di Orto di Carta, l’associazione che per promuovere la permacultura agisce sul territorio con incontri, visite nei campi, scambi culturali. Sul loro sito c’è il programma delle attività e un archivio stimolante di testi e link utili per approfondire in maniera molto ampia il tema dell’agricoltura.

Riportiamo un brano che ci trova d’accordo, da un articolo sul loro blog:

Non si può tornare all’agricoltura.
Si può coltivare.
E lo si può fare partendo da presupposti nuovi, con nuove basi scientifiche legate all’ecologia ed alla sostenibilità, con una nuova sensibilità, con nuovi strumenti, con un nuovo immaginario rurale che, possibilmente, la smetta di prendersi in giro su una distorta immagine di passato agricolo e si liberi dalla forma mentale della mezzadria e del latifondismo, vere basi della cultura agraria italiana.

(Ieri era il signorotto di città, oggi è il supermercato, le certificazioni…)

Si può coltivare. […]
Noi siamo una nuova generazione agraria. Caduta talmente lontano dalla pianta da non sapere neanche più bene a che specie apparteniamo. Ma il terreno è fertile, l’umidità giusta e, qui, c’è un bel teporino.

Viaggio Tra Terra e Cielo continua: oggi primo ottobre siamo esattamente a metà percorso. Ci troviamo tra i monti dell’Appennino Tosco-Emiliano, in visita al birrificio Birra del Reno. Continuate a seguire il nostro tour per le campagne italiane alla ricerca di esperienze bio-logiche!