Mantra che ti passa

  San Casciano Val di Pesa – Firenze, 7 Ottobre 2015

Viaggio Tra Terra e Cielo è un progetto di indagine pratica e teorica. I fili che uniscono uomo e ambiente hanno diversa natura: ma quali sono? La ricerca sull’agricoltura etica e bio-logica ci porta ad esplorare le buone pratiche agricole, attraversando al contempo i vissuti soggettivi dei contadini che incontriamo, fatti di pensiero, passione, morale, etica, spirito, a volte anche fede. La questione esistenziale è trasversalmente centrale al nostro lavoro.

Seguendo la bussola che punta tra Terra e Cielo arriviamo a Villa Vrindavana, tra le colline fiorentine di San Casciano Val di Pesa. La Villa è sede della comunità Hare Krishna, movimento nato da Srila Prabhupada nel 1966. Ad accoglierci è Massimo, all’imbrunire di una giornata di settembre. Bolognese, ha incontrato nella città dotta alcuni devoti e da quei primi meeting è maturata la volontà di vivere alla Villa.

L’accoglienza e la grande disponibilità di Massimo e delle altre persone della comunità hanno superato le nostre aspettative, considerato lo scarso preavviso del nostro passaggio e la quasi totale inesperienza che abbiamo con la materia vedica. La nostra breve sosta è stata però stimolante per tutti, crediamo, per lo scambio di impressioni e considerazioni sull’alimentazione, la qualità degli ortaggi e la cura dell’ambiente.

Gli Hare Krishna seguono un’alimentazione vegetariana e il cibo ha una relazione diretta ed essenziale con le divinità. Come è emerso anche nella conversazione con Parabhakti, al servizio di Villa Vrindavana come sua guida, la qualità delle materie prime è un tema sociale e politico sensibile per gli Hare Krishna, proprio per la sacralità intrinseca del cibo. Come ci ha spiegato Massimo, il cibo prima viene servito alle divinità, poiché se ne possano nutrire, poi viene consumato dai devoti. Infatti il vegetarianismo racchiude in sé ahimsa, non violenza, e bhakti, servizio devozionale a Krishna. Le indicazioni sull’alimentazione provengono dai testi vedici, come la Bhagavad-gita, sui quali si fonda l’orientamento spirituale degli Hare Krishna. Sulla natura della loro interpetazione, disse Srila Prabhupada, fondatore del movimento :

Il messaggio della coscienza di Krishna proviene dal mondo spirituale.
Non è di questo mondo materiale, perciò a volte la gente può fraintenderlo.
Allora dobbiamo spiegarlo in modo chiaro. Le persone non riescono nemmeno a capire che cos’è l’anima. Grandi scienziati. Grandi filosofi. Non hanno alcuna conoscenza dello spirito e del mondo spirituale, perciò qualche volta hanno difficoltà a capire.
Veda non significa “religione”. Veda significa “conoscenza”.

Pubblichiamo questo ricordo della comunità Hare Krishna da Pratale, nei pressi di Gubbio, dove siamo ospiti di Etain e Martino. Dopo il placido viaggio di raccordo, la giornata è proseguita con l’arrivo in questa casa di legno che i nostri due ospiti hanno progettato e costruito anni fa. Abbiamo visitato l’area ad essa circostante, il bel verde che dà a Etain e Martino ortaggi e frutta per l’autosostentamento e offre tanto spazio a cavalli, asini e galline.

Viaggio Tra Terra e Cielo continua e alle prime luci di domani inizierà il 24° giorno on the road per l’Italia rurale.
Avanti tutta!